Carmagnola affronta la connessione tra mafie e gioco d’azzardo

29 Marzo 2024 Pubblicato da Lascia il tuo commento

Un importante evento si è tenuto recentemente a Carmagnola, promosso dal Comune in collaborazione con Avviso Pubblico, incentrato sul legame tra le mafie e il mondo del gioco d'azzardo, con la conduzione di Francesco Rasero, a capo de “Il Carmagnolese”.

Approfondimenti sull'Influenza delle Mafie nel Gioco d'Azzardo

La problematica relazione tra il crimine organizzato e il settore del gioco d'azzardo, con le sue ripercussioni sia a livello nazionale che locale, è stata al centro di un incontro che si è svolto ieri sera presso il municipio, a cura del Comune di Carmagnola e di Avviso Pubblico, e moderato da Francesco Rasero, direttore de “Il Carmagnolese”.

Presentazione del Libro sul Gioco d’Azzardo e le Mafie

Durante la serata, è stata introdotta l'opera “Gioco d’azzardo, lo Stato e le mafie”, frutto del lavoro di ricerca del professor Rocco Sciarrone, esperto di Sociologia delle mafie all’Università di Torino, assieme ai collaboratori Lorenzo Picarella e Federico Esposito.

Impatto Economico e Sociale del Gioco d'Azzardo

«Il settore del gioco d'azzardo movimenta cifre astronomiche in Italia, stimate tra i 130 e i 150 miliardi di euro annuali, equivalente al 7% del PIL nazionale, un volume di affari paragonabile agli investimenti in settori critici come la Sanità e il Turismo», ha evidenziato il professor Sciarrone. Per quanto riguarda le strategie di contrasto alla presenza mafiosa nel settore, gli esperti suggeriscono la necessità di un approccio che preveda la de-territorializzazione del gioco online e una rivisitazione delle norme sulle concessioni, auspicando una semplificazione legislativa che abbracci l'intero comparto. Evidente, dunque, l'interesse delle organizzazioni criminali, «beneficiate da una certa ambiguità legislativa e da zone grigie nelle interazioni con altri ambiti sociali», che vedono le mafie immergersi particolarmente nelle aree del gioco legale, dalle slot machine alle VLT fino al gioco online.

Riflessioni Finali e la Visione delle Autorità

Le riflessioni finali sono state condivise dal vicesindaco Alessandro Cammarata, il quale ha sottolineato come il gioco d'azzardo, divenuto culturalmente accettato dopo una liberalizzazione senza freni, generi problemi complessi che gli enti locali si trovano a dover gestire, dal fenomeno della criminalità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *