CASINÒ CAMPIONE D’ITALIA: UNA POSSIBILE RINASCITA

16 Dicembre 2020 Pubblicato da 1 Commento

Anche se ad oggi i casino online vanno per la maggiore, c’è un importante novità sul casinò di campione d’Italia. Prima di parlare di una possibile riapertura facciamo una piccola introduzione e spieghiamo cos’è questo casinò, dove si trova e cosa gli è successo.

Campione d’Italia è una piccola cittadina in provincia di Como tra il Canton Ticino svizzero e il lago di Lugano. Questo paesino però è sostanzialmente un’enclave italiana racchiusa nel territorio svizzero. Il casinò di Campione d’Italia era la più grande azienda del territorio e un importante casinò che ogni anno ospitava decine di migliaia di giocatori. Venne fondato nel 1917, nel pieno della prima guerra mondiale, per poi essere chiuso nel 1919 e riaperto definitivamente dopo alcuni anni nel 1933.

COSA È SUCCESSO AL CASINÒ DI CAMPIONE D’ITALIA?

Nel 2018 però, esattamente nel torrido 27 luglio di quell’anno, il Tribunale di Como ha dichiarato il fallimento dell’azienda di gioco per un dissesto finanziario di ben 61 milioni di euro. La sua chiusura è stata un vero colpo di scena proprio perché quello di Campione d’Italia era il più grande casinò d’Europa. Al suo interno si potevano trovare slot machine, tavoli da roulette, Blackjack, Baccarat, poker e persino delle sale che proponevano diversi sport su cui scommettere.

La chiusura di questo casinò ha avuto anche un grande impatto sulla società e sul comune di Campione d’Italia. Il fallimento ha infatti procurato la perdita di quasi 500 posti di lavoro.

Negli anni di chiusura di questo casinò, diverse sono state le richieste di riapertura, mandate sia al comune che dai capi politici che si sono succeduti al governo. La risposta più comune è sempre stata «La priorità è senz’altro riaprire il Casinò, che ogni giorno di chiusura perde 250mila euro. Gli introiti al Comune però dovrebbero essere garantiti tramite un canone di locazione. Il punto è che controllore (Comune) e controllato (Casinò) devono essere separati».

CASINÒ DI CAMPIONE D’ITALIA: VERRÀ RIAPERTO?

Dopo le numerose richieste forse si vede una “luce alla fine del tunnel”. Tra il mese di giugno e l’inizio di settembre sono state fatte diverse affermazioni che assicurano la popolazione sulla riapertura del Casinò di Campione d’Italia.

Roberto Canesi, sindaco candidato numero uno della lista “Campione Rinasce”, si sta impegnando al massimo per rendere possibile questa nuova apertura.

Anche lo stesso Barletta, sottosegretario all’Economia afferma: “L’attività dei tavoli verdi deve ripartire per ridare linfa economica a un territorio altrimenti in fortissima crisi. Il messaggio che voglio mandare è che il casinò riaprirà”.

SOLUZIONI PER LA RIAPERTURA DEL CASINÒ DI CAMPIONE D’ITALIA

Sono due i possibili percorsi che il comune di Campione d’Italia e il Casinò stesso possono intraprendere per la riapertura:

  • La prima soluzione è quella di dichiarare il fallimento in proprio da parte del debitore, seguendo l’articolo 6 della Legge fallimentare. Questa decisione permetterebbe di porre fine anzi tempo al contenzioso in atto. Prima di essere applicata questa scelta però, è necessario avere tutte le giuste informazioni, rispettando la legge, così che il comune non cada in problematiche di tipo penale.
  • La seconda soluzione che è stata proposta, è quella di consentire al comune di aprire una gara accessibile a tutti i privati, per incaricarsi della gestione del casinò. Per rendersi però fattibile questa seconda possibilità ha bisogno di essere accompagnata da alcuni accorgimenti. È necessaria l’adozione di una norma primaria, stabilita direttamente dal Ministero dell’Interno, insieme al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Questa direttiva è fondamentale per consentire al comune di aprire la gara e quindi affidare la Casa da gioco a persone terze.

Queste due soluzioni, come avrai intuito, hanno degli ostacoli non indifferenti. Essendo però d’interesse comune la riapertura del casinò di Campione d’Italia, è possibile che il Viminale metta in atto un “Salvataggio” così da ovviare alle problematiche sopra descritte.

Vediamo nei prossimi mesi se il casinò di Campione d’Italia riuscirà nella sua impresa di riapertura!

,

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *