Cresce la Spesa degli Italiani nel Gioco: Un’Analisi del Libro Blu dell’Agenzia delle Dogane 2022

31 Gennaio 2024 Pubblicato da Lascia il tuo commento

Introduzione

Il gioco d'azzardo in Italia ha visto una significativa ripresa. In un contesto dove il Parlamento italiano sta esaminando una riforma del gioco online, il Libro Blu fornisce una fotografia dettagliata e attuale dell'andamento del mercato del gaming in Italia. Rivela che gli italiani hanno speso più di 20,3 miliardi di euro in gratta e vinci, slot e scommesse. Questo importo rappresenta un aumento del 31,56% rispetto ai 15,4 miliardi del 2021, dimostrando una notevole crescita del settore.

Ripresa del Settore del Gioco Post-COVID

Le restrizioni legate al COVID-19 sembrano essere un lontano ricordo nel settore del gioco, con la riapertura dei punti gioco che ha portato a un aumento significativo della raccolta. Gli italiani hanno mostrato un ritorno marcato al gioco, con una spesa totale che supera i 20,3 miliardi di euro. Questo rappresenta un aumento considerevole del 31,56% rispetto ai 15,4 miliardi spesi nel 2021, dimostrando una resilienza e un interesse rinnovato nel settore.

Il Fisco italiano ha beneficiato in modo significativo da questa crescita, incassando 11,2 miliardi di euro nel 2022, rispetto agli 8,4 miliardi del 2021, con un aumento del 33,4%. La riapertura dei punti gioco fisici ha avuto un impatto significativo sulla raccolta totale, con una crescita del 43,17% rispetto all'anno precedente, raggiungendo oltre 136 miliardi di euro giocati in diverse categorie, inclusi gratta e vinci, lotto, slot e giochi online. Questo aumento sostanziale evidenzia una forte preferenza per il gioco fisico rispetto alle alternative online.

Dai 136 miliardi giocati, oltre 115,7 miliardi sono stati restituiti in vincite ai giocatori nel 2022, con un aumento del 27% rispetto al 2021. Questi numeri mostrano non solo la grandezza del settore ma anche il suo impatto significativo sulle finanze dei giocatori. Il Fisco italiano ha tratto un grande vantaggio da questa crescita, incassando 11,2 miliardi di euro nel 2022, rispetto agli 8,4 miliardi del 2021.

Distribuzione delle Vincite e Impatto Fiscale

Contrariamente alle aspettative popolari, la spesa nel gioco non è concentrata nelle regioni del Sud Italia. La Lombardia emerge come la regione con la maggiore spesa nel settore dei giochi nel 2022, con 3,1 miliardi di euro, seguita da Campania e Lazio. Questo ribalta i luoghi comuni e mostra una distribuzione più ampia e diversificata del gioco d'azzardo in Italia.

Contrariamente alle aspettative comuni, non sono le regioni del Sud Italia a dominare la spesa nel gioco. La Lombardia si posiziona al primo posto con 3,1 miliardi di euro spesi nel 2022, seguita da Campania e Lazio. Altre sei regioni, tra cui l'Emilia-Romagna, il Veneto, la Sicilia, la Puglia, il Piemonte e la Toscana, hanno superato il miliardo di spesa annuale.

Il Banco Vince Sempre

Il gioco pubblico continua a rappresentare una fonte significativa di entrate per l'Erario. Nel 2022, oltre 11 miliardi di euro sono stati generati dal settore, con i contributi provenienti da apparecchi da intrattenimento, giochi numerici e lotterie, scommesse e altre attività.

Lotta all'Azzardo e Interventi Normativi

L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha intensificato i suoi sforzi contro il gioco d'azzardo illegale nel 2022, con un aumento dei controlli sugli esercizi e la chiusura di siti web illegali. Questo impegno dimostra una vigilanza costante e un impegno nel contrastare le pratiche illecite nel settore. Le sanzioni irrogate sono state 2.690, segnalando un trend decrescente dovuto a una maggiore efficienza e conoscenza del territorio da parte del personale Adm.

L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha continuato la sua lotta contro il gioco d'azzardo illegale nel 2022, controllando 22.576 esercizi e inibendo 261 siti web illegali. Il rapporto tra esercizi controllati e censiti è del 22,18%. Le attività di controllo hanno portato all'accertamento di 448,72 milioni di euro in evasione fiscale, sebbene ci sia stato un decremento rispetto all'anno precedente.

Riforma in Parlamento a Tutela dei Giocatori

Il Parlamento italiano sta esaminando una riforma del gioco online, con un focus specifico sulla protezione dei giocatori. Questa riforma introduce principi fondamentali per la gestione responsabile del gioco pubblico in Italia, mirando a prevenire la ludopatia e altri disturbi patologici del comportamento. Inoltre, è prevista l'istituzione di una Consulta permanente dei giochi pubblici per monitorare l'andamento delle attività di gioco e proporre interventi mirati contro la ludopatia.

Misure Per Il Gioco Responsabile

Le nuove misure introdotte per proteggere i giocatori includono l'autolimitazione in termini di tempo e spesa, limitazioni agli importi depositati sui conti di gioco, e l'obbligo per i concessionari di investire in campagne informative e iniziative di comunicazione responsabile. Queste misure rappresentano un passo avanti significativo nella promozione di un gioco responsabile e nella prevenzione della ludopatia.

Conclusioni

La panoramica del settore del gioco in Italia, come illustrato dal Libro Blu del 2022 dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, rivela una realtà complessa e multiforme. Dopo un periodo di stallo dovuto alla pandemia di COVID-19, il settore ha mostrato una notevole ripresa, con una spesa degli italiani che supera i 20 miliardi di euro, segnalando non solo una ripresa economica ma anche una rinnovata passione nazionale per il gioco. La ripresa ha avuto un impatto significativo anche sulle entrate fiscali, fornendo una notevole contribuzione alle finanze pubbliche.

Questi dati, tuttavia, sollevano questioni importanti riguardo l'equilibrio tra la generazione di entrate e la responsabilità sociale, in particolare in relazione alla prevenzione della ludopatia e al gioco responsabile. La riforma in Parlamento e le misure anti ludopatia rappresentano passi cruciali verso un approccio più equilibrato e sostenibile al gioco d'azzardo in Italia. Queste iniziative mirano a proteggere i giocatori e a garantire che il divertimento non si trasformi in una dipendenza dannosa.

In conclusione, il settore del gioco in Italia si trova a un bivio importante. Da un lato, c'è la continua crescita economica e l'apporto fiscale significativo, e dall'altro, la crescente consapevolezza dell'importanza del gioco responsabile e della tutela della salute dei giocatori. Come la storia e i dati recenti dimostrano, l'industria del gioco può essere sia un motore economico che un campo di attenzione sociale, richiedendo un equilibrio attentamente monitorato per assicurare benefici sia per l'economia che per la società.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *