Ricavi dei casinò di Macao sotto le aspettative

6 Marzo 2024 Pubblicato da Lascia il tuo commento

Nel mese di febbraio, i ricavi dei casinò di Macao hanno totalizzato 18,46 miliardi di MOP (2,29 miliardi di dollari USA). Nonostante un Capodanno Cinese particolarmente favorevole per le case da gioco della regione, l'unico posto in Cina dove sono consentiti le slot machine e i giochi da tavolo, i risultati di febbraio non hanno soddisfatto le previsioni degli analisti.

I casinò di Macao hanno vissuto un Capodanno Cinese molto positivo nel febbraio del 2024, ma la festività non è stata sufficiente a far recuperare le vincite ai livelli antecedenti la pandemia del 2019. Nel corso del mese, i sei casinò hanno incassato circa 2,29 miliardi di dollari.

Le previsioni degli analisti indicavano che il reddito lordo da gioco (GGR) avrebbe superato i 19 miliardi di MOP. Durante il mese, i sei operatori di casinò hanno registrato un'elevata affluenza di visitatori. Tuttavia, questi ultimi hanno scommesso meno sulle slot machine e sui giochi da tavolo.

“Le vincite dei casinò di febbraio sono state leggermente al di sotto della previsione consensuale di 19 miliardi a 20 miliardi di MOP,” hanno commentato gli analisti di JP Morgan Securities Asia DS Kim, Mufan Shi e Selina Li.

Il GGR di 2,29 miliardi di dollari di febbraio ha rappresentato un incremento del 79% rispetto a febbraio 2023, quando Macao stava ancora uscendo dagli impatti della pandemia legati alla politica “zero-COVID” del Presidente cinese Xi Jinping. Febbraio ha visto un calo del 4,4% rispetto a gennaio, e rimane del 27% inferiore a febbraio 2019, quando i casinò della regione hanno generato un GGR di 3,14 miliardi di dollari.

Nei primi due mesi dell'anno, i ricavi dei casinò di Macao hanno ammontato a 4,7 miliardi di dollari. Anche se ciò rappresenta un miglioramento del 73% su base annua, i guadagni del casinò sono ancora del 29% inferiori ai 6,24 miliardi di dollari vinti dai resort di gioco nel 2019 fino a febbraio.

Il cambiamento di Macao

Il destino dell'industria del gioco di Macao, che era il mercato di gioco più prospero al mondo prima della pandemia — un titolo poi assunto dal Nevada — resta incerto.

L'ambiente dei casinò della regione ha subito significative trasformazioni durante la pandemia, con la partenza dei junket VIP verso regioni con condizioni operative più vantaggiose. La fuga è avvenuta dopo che il boss di Suncity, Alvin Chau, è stato processato e condannato per vari reati legati al gioco d'azzardo. È stato condannato a 18 anni in una prigione cinese per aver gestito uno dei più grandi junket.

“Con la diminuzione degli high roller portati nell'enclave per giocare nelle sale VIP private, i colossi del casinò — Sands, Galaxy, MGM, Wynn, Melco e SJM — sono stati costretti a rivolgersi ai mercati premium e di massa. Inoltre, con il rilascio delle loro licenze di gioco di 10 anni nel dicembre 2022, sono stati obbligati a investire significativamente in servizi e attrazioni non legate al gioco.”

L'ordine di espandere le offerte non legate al gioco è una direttiva governativa volta a trasformare Macao da una destinazione basata principalmente sui casinò a un mercato turistico che attira una demografia più ampia e sostenibile. Le sei società si sono impegnate a investire almeno 13,5 miliardi di dollari in progetti al di fuori delle loro aree di gioco. L'investimento minimo è stato aumentato a quasi 18 miliardi di dollari dopo che è stato attivato un meccanismo l'anno scorso in base al loro GGR collettivo del 2023.

Preoccupazioni economiche

L'economia cinese ha mostrato una ripresa disuguale dalla pandemia.

Il settore manifatturiero rimane una preoccupazione principale, poiché si è contratto per il quinto mese consecutivo a febbraio. Questo secondo l'Indice dei Direttori Acquisti di Manifattura (PMI), compilato dall'Ufficio Nazionale di Statistica della Cina.

La nota di JP Morgan sulle prestazioni di gioco di Macao a febbraio ha indicato che la domanda per i resort di casinò è diminuita più velocemente del previsto dopo il festival del Capodanno Lunare. Gli analisti di Bloomberg hanno espresso preoccupazione che i problemi economici potrebbero ostacolare la ripresa del gioco d'azzardo di Macao nel 2024.

“La crescita dei ricavi più lenta segnala una continua prudenza tra i consumatori cinesi, mentre i problemi economici, il calo dei prezzi delle case e una crisi del mercato azionario spingono molti a limitare le loro spese,” ha dettagliato il rapporto. “Il giro di vite di Pechino sui giocatori d'azzardo ad alta posta, che in precedenza rappresentavano metà delle entrate di gioco di Macao, significa che i casinò hanno dovuto fare maggior affidamento sui turisti del mercato di massa, che sono più sensibili alle difficoltà economiche.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *