SEAN CONNERY: 007 ED IL FAMOSO 17 ALLA ROULETTE

4 Maggio 2021 Pubblicato da Lascia il tuo commento

Da sempre il numero 17 è legato alla cattiva sorte. Ma il suo significato è cambiato molto con la fortuna di Sean Connery alla roulette.

“IL MIO NOME È BOND, JAMES BOND”

Tutti noi ricordiamo il film in cui Sean Connery trasforma il 17 in un numero fortunato. Stiamo parlando di uno dei più grandi interpreti dell’agente 007, la spia più famosa di tutti i tempi. Connery in quell’occasione ricopre il ruolo di un agente segreto amato dalle donne ed appassionato di casino. Egli fece la sua prima comparsa nel 1962, nella scena iniziale di “Licenza di uccidere”.

Ma è solo un anno dopo che accade qualcosa di veramente unico nel suo genere. In un casino italiano, lo 007 Sean Connery, era seduto ad un tavolo di roulette americana. È stata proprio quella sera, all’interno del casino, che il signor Connery riuscì a rendere fortunato il numero 17.

In quell’occasione, proprio come James Bond, era circondato da numerose donne stupende e l’attore ha puntato tutte le sue fiches sul numero 17. Sia il primo che il secondo tentativo non andarono a buon fine. Nonostante ciò, Sean Connery decise di continuare ad insistere andando così contro ogni legge della matematica e della cabala. Così prese coraggio e puntò nuovamente sul 17. Proprio grazie a questo terzo tentativo egli riuscì a vincere ben 27.000$ grazie a quella pallina che si fermò proprio su tale numero.

Bond cercò di sedurre ulteriormente la dea bendata, puntando una quarta volta sul numero 17. La probabilità che questa nuova puntata potesse risultare vincente era circa 1 su 50 mila. Beh, stiamo parlando di James Bond no? Così, di fronte agli occhi stupefatti di tutta la folla che si era avvicinata al tavolo, la pallina si fermò per un’altra volta sul numero 17. Dopo questa ulteriore vincita, lo 007 Sean Connery si alzò tra gli applausi di tutti.

La celebre frase di Sean Connery al tavolo verde

Il gioco d’azzardo sembra essere un elemento molto importante all’interno di tutte le “spy story” girate fino ad oggi. L’agente segreto risulta essere capace di infiltrarsi senza problemi all’interno di ambienti caratterizzati da grande eleganza. Immediatamente ci viene in mente il famoso James Bond, il personaggio nato dal genio di Ian Fleming. Sean Connery in 007 è quindi un uomo che ama le donne e, allo stesso tempo, anche del rischio.

Sean Connery roulette numero 17

Nel primo film della Saga, ossia “Agente 007 – Licenza di uccidere”, Sean Connery pronuncia la sua famosa frase: “Bond… James Bond”. Il titolo originale del film, guarda caso, è Casino Royale e la frase in questione viene pronunciata proprio nel momento in cui Sean Connery si siede al tavolo verde ed accende una sigaretta.

Grazie a questa iconica scena dell’attore, per tutti noi un agente segreto è colui che non smette mai di stupire. Che ha fascino ed è irresistibile per tutte le donne, con un amore per il tavolo verde da gioco.

Il numero 17 reso grande da James Bond

Da sempre il numero 17 è considerato come un qualcosa capace di portare grande sfortuna. Basti pensare alla superstizione legata a venerdì 17. Ma le cose sono cambiate grazie a Sean Connery, il celebre 007, ed alla sua immensa fortuna legata a tale numero nel gioco della roulette.

Proprio per questo motivo, numerosi sono stati i giocatori che negli anni hanno tentato la fortuna giocando il numero 17 sulle roulette di tutti i casino sparsi in giro per il mondo. Sicuramente, il sogno di ogni uomo, è quello di poter assomigliare quanto più possibile al famoso Sean Connery in quanto personaggio di grande successo e sempre circondato da bellissime donne.

Ma visto che tutto ciò è molto lontano dalla realtà, l’unica cosa che ci resta da fare è tentare la sua stessa fortuna e giocare il numero 17 ad uno dei tanti tavoli della roulette nei migliori casino online o fisici.

Se vuoi conoscere altre vicende sul gioco d’azzardo ti consigliamo le storie di Marco Baldini e di Mara Maionchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *